Sostenibilità

Parità di genere: Chiquita per l’emancipazione femminile

Sostenibilità

31 Marzo 2020 ・ 10 min di lettura

La parità di genere è una delle sfide più importanti nelle piantagioni di banane dell’America Latina.

Chiquita, uno dei principali brand mondiali di banane nel mondo, da sempre favorisce l’emancipazione delle donne e si schiera in difesa dei loro diritti.. In contesti di lavoro tradizionalmente dominati da figure maschili e spesso ubicati in aree remote, è importante fare tutto il possibile perché le donne non siano esposte a discriminazioni, intimidazioni o molestie. Tra le sue iniziative di responsabilità sociale d’impresa (CSR – corporate social responsibility), Chiquita affronta la sfida dell’emancipazione femminile per porre fine a questi atti, verso i quali deve essere mostrata tolleranza zero, attraverso linee guida, codici di condotta e numerosi altri strumenti.

Chiquita affronta la sfida dell’empowerment femminile

Per Chiquita l’uguaglianza di genere è fondamentale. I propri dipendenti hanno diritto a lavorare in un ambiente sicuro, libero da molestie e che beneficino delle migliori condizioni possibili all’insegna della sostenibilità sociale, economica e ambientale: una sfida particolarmente cara alla proprietà, che proviene anch‘essa dall’industria agricola. Uno degli obiettivi chiave di Chiquita è consentire ai propri dipendenti – uomini e donne – di esprimersi liberamente e di segnalare ogni comportamento inappropriato.

Responsabilità Sociale d’Impresa: Chiquita, un’azienda da cui imparare

L’inclusione è la chiave del successo per un’azienda come Chiquita, che ha creato diversi strumenti per tutelare i diritti delle donne e promuovere la parità di genere Uno degli strumenti principali è la linea telefonica attiva tutto l’anno, 24 ore su 24, che permette a tutti i dipendenti di segnalare qualsiasi episodio di discriminazione o di violenza in modo confidenziale ed anonimo. Questo sistema è promosso attivamente dai diversi rappresentanti dell’azienda in tutte le aziende agricole. Ciò permette ai dipendenti di sollevare in totale sicurezza e anonimato qualsiasi tipo di questione e richiedere aiuto in caso di bisogno. L’azienda assume anche un approccio a tolleranza zero in caso di ritorsione nei confronti dei dipendenti che denunciano situazioni di discriminazione o violenza.

Chiquita affronta la sfida dell’empowerment femminile

Entrato in vigore nel 2001 per promuovere i diritti dei lavoratori, l’Accordo IUF-COLSIBA-Chiquita è unico nel settore delle banane. Dal 2013 prevede specificamente la tutela degli interessi delle donne e dell’empowerment femminile. In particolare, ha l’obiettivo di favorire l’emancipazione femminile, incrementando le opportunità di lavoro per le donne ed è stato la base di una campagna di informazione e sensibilizzazione per lo sviluppo di nuove competenze, la conquista sempre maggiori di diritti e per la tutela di salute e sicurezza. Un comitato si riunisce regolarmente per verificarne l‘applicazione. Nel 2013, inoltre, la società ha anche stilato un allegato all’accordo contro le molestie sessuali; una protezione aggiuntiva che è già stata inclusa nel Contratto Collettivo di lavoro a Panama, in Costa Rica e in Honduras e verrà implementata anche in Guatemala.

Chiquita e la sfida dell’emancipazione: il progetto pilota a Panama

Chiquita crede fermamente che non sia sufficiente essere un datore di lavoro che garantisce pari opportunità. La reale sostenibilità passa anche attraverso la sfida delle convenzioni sociali per garantire alle donne possibilità di cogliere le opportunità. Chiquita ha accettato la sfida dell’emancipazione delle donne e, per incrementare la percentuale di donne nel mondo del lavoro, crea e offre opportunità di lavoro e dialoga con le donne nelle comunità locali per motivarle a candidarsi.

Chiquita affronta la sfida dell’empowerment femminile

Esempi di iniziative intraprese dall’azienda includono un progetto pilota istituito nel 2014 a Panama con un comitato femminile locale e il sindacato locale, Sitraibana. Questa iniziativa, che promuove modelli di ruolo attivo femminile, ha aumentato dall’8% al 13% la rappresentanza femminile a Panama e migliorato le loro condizioni di lavoro. Il progetto inoltre informa e sensibilizza le dipendenti sul tema della molestie sessuali e dei diritti delle donne.

Chiquita ha osservato che collaborare con IUF, COLSIBA e i sindacati locali rafforza maggiormente l’efficacia del suo impegno, e che formazione e consapevolezza sono fondamentali per un cambiamento della cultura e per raggiungere la parità di genere, che a sua volta porta alla sostenibilità. Testimonianza di questo sono le donne che parlano ad altre donne dei loro diritti nella propria lingua e la loro voglia di affrontare la sfida per cambiare la visione degli uomini sui diritti delle donne e sulle molestie sessuali.

I continui sforzi di Chiquita per l’emancipazione femminile

Chiquita sta lavorando anche a un’analisi sul pay gap e sull’opportunity gap di genere in tutta la propria organizzazione al fine di sviluppare un piano correttivo entro il prossimo Report 2020.

Chiquita affronta la sfida dell’empowerment femminile

L’impegno di Chiquita ha portato i primi risultati. Le donne che lavorano nelle sue aziende agricole sono cresciute, attualmente il 17% della forza lavoro agricola di Chiquita è di sesso femminile, mentre il 21% delle sue posizioni gestionali sono ricoperte da donne, con una crescita dell’8% solo a Panama. Chiquita attua una valutazione costante dei propri processi così da identificare il modo migliore per promuovere il ruolo delle donne in tutta l’azienda ed aggiornare i propri programmi di responsabilità sociale d’impresa.

Gli sforzi di Chiquita sono stati riconosciuti dallo studio del 2017 sui diritti dell’infanzia condotto da Article One, un’associazione internazionale che si occupa di assessment dei diritti umani. Hanno esaminato 14 aziende agricole in Costa Rica e Panama e hanno elogiato la “cultura buona e aperta” di Chiquita. Dallo studio è emerso anche che “le donne intervistate hanno riferito costantemente di essere trattate in modo equo e di non essere soggette a molestie o discriminazioni da parte di dipendenti e supervisor”, sottolineando inoltre che “Chiquita mette in atto forti protezioni per le donne incinte sul posto di lavoro”.

Le donne di Chiquita: tre esperienze di emancipazione delle donne di successo

Chiquita affronta la sfida dell’empowerment femminile

Elizabeth Vargas Hidalgo

Elizabeth Vargas Hidalgo è supervisor di impianti di confezionamento nell’azienda agricola Triple Tres in Costa Rica. Elizabeth – meglio conosciuta come Betty – ha iniziato con Chiquita nel marzo 1989 come semplice bracciante agricola. Nel 2006 è stata promossa alla qualifica di esperta ai controlli sulla frutta, una crescita professionale che le ha permesso di avere una casa più confortevole da condividere con la figlia, di poter far fronte alle spese per il college e di avere uno stile di vita sicuro. A metà del 2016, Betty è ulteriormente cresciuta professionalmente, diventando assistente imballaggio nella stessa azienda agricola.

“Ho avuto l'opportunità di dimostrare di avere le capacità necessarie per svolgere con successo questa mansioni - solitamente portate avanti da uomini. Sono grata all'organizzazione per la fiducia che ha riposto in me.”

Elizabeth Vargas Hidalgo, packing plant supervisor

I buoni risultati raggiunti le sono valse un premio di eccellenza in diverse occasioni e, nel 2017, Betty è stata promossa a supervisor dello stabilimento di confezionamento, ruolo che attualmente ricopre.

Faustina Madrid

Faustina Madrid, fin da quando era bambina era interessata all’agricoltura così, da grande, ha deciso di studiare agronomia. Ha iniziato a lavorare per Chiquita nel 2005 a Changuinola, Panama, come supervisor del confezionamento; successivamente è stata promossa a tecnico di ricerca e sviluppo e, nel 2017, a Farm Administrator. Lavorare per Chiquita le ha permesso di aumentare le sue conoscenze e acquisire nuove abilità. Definisce così la sua filosofia di lavoro: “Per raggiungere ciò che si desidera servono forza e perseveranza, senza mai perdere la speranza”.

Chiquita affronta la sfida dell’empowerment femminile

Nives De Luca

Nives De Luca ha iniziato a lavorare con Chiquita nel 2003, come parte del programma GMDP (Global Management Development Program) della compagnia, entrando nella divisione logistica nel 2017 come Yard Leader a San Pedro Sula, Honduras. Un anno dopo, è stata promossa Senior Planner Transportation per le operazioni in Honduras e Nicaragua.

Successivamente ha ricoperto diversi ruoli nell’ufficio regionale di Chiquita a San José, in Costa Rica, ed è stata promossa a manager Fruit Sourcing nel 2017. Nives è poi passata a ricoprire il ruolo di Port Manager a Puerto Cortes, in Honduras e, dall’agosto 2018 è diventata Port Manager a Oxnard, in California, gestendo le forniture per la costa occidentale degli Stati Uniti.

“Ho una laurea in botanica, della quale vado fiera; durante la mia carriera ho sempre puntato a lavorare nelle società del settore agricolo. 15 anni fa, vicino al termine del mio MBA, ho avuto il privilegio di essere selezionata per il GMDP di Chiquita... e da allora non ho più interrotto il mio percorso di sviluppo personale. Negli ultimi due anni ho accettato la sfida di ricoprire posizioni manageriali nelle operations con responsabilità più alte e con spostamenti che non avevo mai pianificato. È stato duro ma gratificante, non si smette mai di imparare. ”

Nives De Luca
  • Ricette personalizzate scelte apposta per te: accedi ai filtri avanzati, consulta le ricette, salva quelle che preferisci nella tua area personale.
  • Accesso privilegiato a omaggi e concorsi speciali.
  • Imposta le tue preferenze alimentari e salva gli articoli di lifestyle che ti sono piaciuti di più.

Unisciti a noi!

Unisciti alla community Chiquita e accedi al tuo spazio banana personale!

Copy link
Powered by Social Snap