Sostenibilità

Il nostro impegno per un’agricoltura sostenibile

Sostenibilità

28 Gennaio 2021 ・ 4 min di lettura

In Chiquita, andiamo pazzi per le banane: adoriamo i nostri frutti deliziosi e solari! Inoltre, nell’ambito del nostro obiettivo di essere il più sostenibili possibile, la nostra attenzione arriva fino alle nostre aziende agricole, alle persone che vi lavorano, ai loro bambini e alle comunità in cui vivono. Di seguito, spiegheremo come stiamo raggiungendo questo obiettivo.

Biodiversità

Le aziende devono apportare grandi cambiamenti nel modo in cui interagiscono con l’ambiente e, come agricoltori, abbiamo una grande responsabilità. Per questo abbiamo assunto un ruolo di leadership, collaborando con i nostri principali stakeholder su nuovi progetti e azioni da intraprendere. Il nostro approccio alla sostenibilità si basa su tre pilastri fondamentali:

  1. Proteggiamo la biodiversità direttamente nelle nostre aziende agricole: abbiamo assicurato che non ci saranno più operazioni di disboscamento per espandere i nostri terreni agricoli. L’ultima volta che un disboscamento ha interessato le nostre aziende è stato più di vent’anni fa (1992-1994). Limitiamo la produzione alle aree che possono supportare la coltivazione a lungo termine o, dove ciò non è possibile, le riportiamo al loro stato naturale. Siamo orgogliosi pionieri di questo approccio.
  2. Riduciamo al minimo gli effetti delle nostre azioni: abbiamo ridotto il nostro impatto ambientale, a partire da buone pratiche agricole come la rotazione delle colture, la defogliazione preventiva, il monitoraggio dei parassiti e l’uso di trappole. Abbiamo adottato un’agricoltura di precisione, utilizzando prodotti agrochimici solo quando i parassiti rappresentano un rischio per la coltura, assicurandoci che i prodotti che utilizziamo siano approvati e il meno tossici possibile (il 95% dei prodotti che utilizziamo sono a bassa tossicità).
  3. Siamo pionieri nel rimboschimento: abbiamo sviluppato partnership con gli stakeholder interessati alla riforestazione, riportando a uno stato più naturale le aree in cui la biodiversità deve essere ripristinata. Vogliamo preservare la biodiversità nel lungo periodo, e attraverso l’educazione vogliamo aumentare la consapevolezza ambientale nelle nostre comunità e incoraggiare la partecipazione locale (come nel progetto Nogal di seguito).
Agricoltura_sostenibile

Nessuna banana viene sprecata

È un fatto sorprendente: le banane sono la quarta coltura alimentare più importante al mondo dopo riso, mais e grano. Sono un alimento essenziale per milioni di persone in tutto il mondo. Poiché comprendiamo quanto sono importanti per il mondo, ci siamo impegnati a far sì che entro il 2020 nessun frutto vada sprecato.

Per rispettare i nostri elevati standard di esportazione, naturalmente alcuni frutti non vengono scelti, ma questo non significa che non siano commestibili. Alcuni hanno delle piccole imperfezioni, ma sono assolutamente buone da mangiare e vengono trasformate in purea di banane. Abbiamo un impianto in Costa Rica, dove in media 65.000 tonnellate di banane provenienti da Panama e Costa Rica vengono trasformate in una deliziosa purea o farina di banana. Se invece le banane sono ammaccate e non possono essere lavorate, le diamo agli agricoltori come mangime per i loro animali.

Anche le parti non commestibili della pianta come gli steli, i fusti e le foglie, vengono utilizzate come pacciame, proteggendo il terreno dall’erosione e mantenendolo umido. Oltre a prevenire la crescita delle erbe infestanti, questo pacciame ecologico funge anche da perfetto fertilizzante naturale. Le fosse di compostaggio nelle nostre aziende agricole sono anche i luoghi di alimentazione preferiti per tanti tipi di uccelli, cervi, insetti e rane.

Il nostro biodigestore ecologico in Costa Rica ci consente di trasformare in energia gli scarti della frutta. Le acque reflue, che in precedenza finivano negli stagni di ossidazione, ora passano attraverso una serie di filtri per rimuovere le parti solide, che gli agricoltori locali usano come fertilizzante. Nel biodigestore, i batteri “buoni” trasformano le acque reflue filtrate in biogas, che viene immagazzinato in grandi sacchi di gomma.

L’intero sistema, oltre ad abbattere gli odori in modo significativo, rende le acque reflue immesse nell’ambiente conformi agli standard nazionali sugli effluenti e inoltre, essendo ricco di sostanze nutritive, il residuo può essere utilizzato per fertilizzare le nostre colture.

Protezione faunistica e forestale: la riserva di Nogal

Inoltre, dedichiamo molti dei nostri sforzi anche ad aree esterne a quelle delle nostre aziende agricole, e la riserva di Nogal ne è uno dei migliori esempi. Stiamo ancora investendo idee, finanziamenti e lavoro per proteggere questa importante riserva naturale in Costa Rica.

Nel 2017 abbiamo compiuto notevoli progressi nella riserva, che si trova nell’ area di Sarapiqui in Costa Rica. L’iniziativa Nogal è nata nel 2004 grazie a uno sforzo congiunto tra Chiquita e molti dei nostri clienti per preservare e proteggere la sua biodiversità, con il sostegno di Rainforest Alliance e della Società tedesca per la Cooperazione Internazionale, GIZ. Finora abbiamo piantato oltre 900 alberi e altri rivenditori e coltivatori hanno visitato la riserva per vedere come, nei suoi 13 anni, abbiamo migliorato la qualità della vita delle persone che vivono nella zona.

Solo nel 2017 abbiamo rilevato tre nuove specie animali nella riserva: un tapiro, il più grande mammifero terrestre della Costa Rica, un campanaro bianco e una lucertola a macchie gialle. Questi avvistamenti dimostrano che i collegamenti fatti da questo ambizioso progetto, che mira a connettersi con altre foreste e la loro fauna selvatica, stanno funzionando bene. Abbiamo richiesto il riconoscimento della riserva come rifugio faunistico privato, che offrirà una maggiore protezione contro il disboscamento.

Riserva Nogal
Riserva di Nogal - Panoramica
Riserva di Nogal - Tapiro

Gestione dell’impatto idrico

Le banane hanno bisogno di acqua per crescere: per la crescita e il trattamento di 1 kg di banane occorrono tra i 400 e i 600 litri di acqua, inclusa la pulizia e il “dehanding”,ovvero il processo di separazione di grandi grappoli di banane in piccole “caschi” da cinque a sei frutti.

L’acqua piovana rappresenta maggior parte dell’acqua utilizzata per la coltivazione delle nostre banane, ma nelle zone più aride dobbiamo fare ricorso all’irrigazione. In questo ambito, siamo passati da un’irrigazione aerea dispendiosa a sistemi di mini e micro-irrigazione a basso consumo idrico, che riducono il nostro consumo di acqua di circa l’80%, con un risparmio annuo di 1,7 miliardi di litri. Abbiamo anche installato sistemi di “dehanding a secco” nel 23% delle nostre aziende agricole, risparmiando altri 160 milioni di litri d’acqua ogni anno.

Siamo anche molto attenti alle acque reflue prodotte dalle nostre attività, filtrando le parti solide e proteggendo fiumi e torrenti dall’inquinamento. Laboratori esterni controllano regolarmente la qualità dell’acqua nei nostri fiumi e torrenti per garantire che i sistemi di filtraggio funzionino correttamente.

In Chiquita siamo davvero orgogliosi dei nostri sforzi per mantenere la biodiversità e garantire che le nostre banane siano prodotte nel modo più sostenibile possibile. Portiamo avanti con impegno i nostri sforzi perché ogni cliente sappia, quando acquista le nostre deliziose banane Chiquita, che non sono solo simbolo di gusto e qualità, ma anche di un imponente lavoro orientato alla sostenibilità.

  • Ricette personalizzate scelte apposta per te: accedi ai filtri avanzati, consulta le ricette, salva quelle che preferisci nella tua area personale.
  • Accesso privilegiato a omaggi e concorsi speciali.
  • Imposta le tue preferenze alimentari e salva gli articoli di lifestyle che ti sono piaciuti di più.

Unisciti a noi!

Unisciti alla community Chiquita e accedi al tuo spazio banana personale!

Copy link
Powered by Social Snap